bambini competitivi

Bambini troppo competitivi che bruciano le tappe dello sviluppo. Genitori attenzione a ciò che gli dite!


Competere con gli altri bambini, reggere il confronto con loro, sono indubbiamente caratteristiche molto importanti, ma attenzione perché se li rinforzate, se fate troppa attenzione ai loro successi, se ruota tutto intorno a ciò che sanno fare e che non sanno fare, verranno meno le componenti della persona, dei valori e delle relazioni sociali.

Il bambino deve imparare anche a non essere per forza il primo, il più bravo e il migliore che non succede niente, il SUO VALORE NON è INFERIORE, e anche quando non arriva primo, NON vale meno degli altri. Anche se non sa fare tutte le mille cose che sanno fare alcuni super-bambini, è semplicemente un fantastico bambino normale.

QUINDI STA AL GENITORE AIUTARE A GESTIRE LA COMPETITITVITÀ DEL BAMBINO FACENDOGLI DA GUIDA

 

I figli non vanno incoraggiati eccessivamente alla competitività individuale, non vanno forzati, non si devono accelerare le tappe dello sviluppo per creare piccoli geni e per potersi vantare dei propri figli. È vero che quando sono piccoli ci sono anche dei divari importanti in termini di sviluppo e apprendimento tra un bambino e l’altro che variano in funzione delle componenti individuali e ambientali, in funzione di quanto un bambino è stato stimolato, incuriosito e lasciato libero di esprimersi.

È vero anche, però, che ci sono tanti bambini che vengono, per esempio, instradati troppo presto alla lettura e alla scrittura, gli si insegna prima degli altri bambini a leggere e scrivere, in modo tale che si possa dire “mio figlio sa già scrivere e il tuo?”, si mandano a scuola che sanno già fare tutto.

Rispettare i tempi di sviluppo e di crescita senza forzature

Vanno rispettati i tempi di crescita del proprio figlio, i bambini non devono per forza primeggiare, non dovrebbero fare le cose che fanno gli adulti, dovrebbero IMITARLI nel gioco, riproporre le attività del quotidiano attraverso le attività ludiche, NON essere dei piccoli adulti mascherati da bambini che fanno ciò che è troppo precoce per la loro età.

tappe crescita

BRUCIARE LE TAPPE, OLTRE AD UN CATTIVO INSEGNAMENTO EDUCATIVO, RAPPRESENTA ANCHE UN RISCHIO DI FAVORIRE UN DISADATTAMENTO. UN BAMBINO TROPPO AVANTI AVRÀ DIFFICOLTÀ AD INTEGRARSI E VIVRÀ FIN DA PICCOLO UNA FORTISSIMA ANSIA DA PRESTAZIONE E DI DELUDERE LE ASPETTATIVE DEL GENITORE.

I figli non vanno pressati, vanno stimolati sotto tutti i punti di vista, incuriositi, aiutati e sostenuti perché i FIGLI NON SONO UN TROFEO DA MOSTRARE.

 

di Maura Manca, Psicoterapeuta

Presidente Osservatorio Nazionale Adolescenza

Direttore AdoleScienza.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *